|

Federazione Europea Itinerari Storici Culturali e Turistici e Città dei Presepi firmano un accordo di collaborazione

Condividi e diffondi

Associazione Nazionale dei Presepi e FEISCT Federazione Europea Itinerari Storici Culturali e Turistici  hanno firmato nei giorni scorsi un accordo di collaborazione per la promozione dei territori attraverso la condivisione di iniziative e proposte che valorizzeranno soprattutto i borghi e le comunità locali.

L’accordo è stato siglato in occasione della presentazione del Festival Nazionale Terre di Presepi, festival che si svolgerà dal 28 novembre al 2 febbraio, e coinvolgerà numerose località italiane, sedi di presepi: si tratta di una iniziativa di rete a cui tutti possono partecipare (iscrizione sul sito ww.cittadeipresepi.com) per dare vita alla rete presepiale più lunga d’Italia.

Valorizzare e mettere a sistema un ingente patrimonio identitario fatto di valori, saperi, tradizione, arte e fede che racconta ogni anno l’Italia e che, soprattutto in un momento di ripartenza post Covid, aiuta e contribuisce a far ripartire l’Italia: questo è l’obiettivo che si pone l’associazione nazionale Città dei Presepi, organizzatrice della kermesse, e che viene condiviso anche dalla Federazione Europea degli Itinerari Storici Culturali e Turistici, attiva da molti anni nella valorizzazione di cammini ed itinerari culturali italiani, oltre che organizzatrice del Meeting Internazionale degli Itinerari Culturali.

Obiettivi comuni, portati avanti con strumenti diversi ma che hanno lo scopo di riportare in luce l’enorme patrimonio identitario dei borghi e dell’Italia “minore”, rendendo le comunità locali consapevoli e partecipi ai processi di valorizzazione. I borghi sono i protagonisti di moltissimi Presepi diffusi che accendono le atmosfere natalizie, e diventano destinazione di migliaia di visitatori che colgono l’occasione per raggiungere località diverse apprezzandone sapori, artigianato e cultura.

I cammini e gli itinerari culturali sono molto spesso di ispirazione religiosa, e ripropongono antichi percorsi di pellegrinaggio che attraversano borghi e località spesso dimenticati, contribuendo a diffondere una filosofia di approccio lento ai territori ed alle persone, diffondendo i valori della condivisione, del dialogo  e delle relazioni umane. Due mondi molto vicini, che grazie all’accordo firmato potranno rafforzarsi a vicenda ed aumentare l’impatto delle proprie iniziative nelle destinazioni. Già da quest’anno l’accordo si rende operativo attraverso la realizzazione di due eventi:

Il Treno dei Presepi, che offrirà la possibilità di visitare i presepi lungo la Via del Volto Santo, utilizzando il treno che parte dalla stazioni di Pisa e Lucca, con soste in Garfagnana e Lunigiana, ed il presepe di Sale, a Saline di Volterra, dove si produce il Sale più puro d’Italia. Proprio da qui, nascono le Vie del Sale e grazie all’impegno di Volterra, recentemente dichiaratasi Città del Sale, nasce questo presepe unico in Italia.

Questi due eventi, insieme al ricco calendario di Terre dei Presepi, contribuiranno ad offrire occasioni uniche per vivere le festività on Italia ed in piena sicurezza, regalando esperienze da ricordare.