|

Per la festa patronale di San Francesco il vescovo consegna il “mandato a fare il presepe” agli artisti e ai presepisti

Condividi e diffondi

Sarà consegnato domani sabato 17 ottobre 2020 a Roffia (San Miniato, Pisa) dal vescovo mons. Andrea Migliavacca il “Mandato a fare il presepe” sull’esempio di San Francesco e in ricordo del primo presepe di Greggio rivolto a tutti i presepisti che nei paesi, nelle chiese, in luogo pubblico come in famiglia si apprestano a iniziare, o hanno già iniziato a costruire il presepe. E’ infatti tradizione che dopo il 4 ottobre, giorni in cui si ricorda il santo di Assisi, si inizi, a costruire il presepe, specie in quei luoghi dove la lavorazione richiede alcune settimane di lavoro. L’iniziativa, unica del genere in Italia, è alla quarta edizione ed è promossa e organizzata da Terre di Presepi. L’appuntamento è per le ore 11,00 nella chiesa di San Michele dove il vescovo consegnerà collettivamente durante una apposita celebrazione eucaristica, il mandato a tutti i presepisti e benedirà le statuine di Gesù bambino che saranno collocate nei presepi nella notte di Natale. La piccola parrocchia di Roffia si è ritagliata negli ultimi anni un posto al sole nel panorama regionale con il suo presepe che si caratterizza per il dettaglio dei particolari, un’ambientazione unica e suggestiva, un’attenzione alla narrazione degli eventi dei vangeli che aiuta a contemplare il mistero del Natale. Il tutto reso possibile da settimane di lavoro dei presepisti della parrocchia coordinati da padre Albino De Giobbi e da Andrea Lavecchia. Ma come sarà Terre di Presepi in tempo di Covid-19? “Non possiamo sapere quale sarà il corso della pandemia. Terre di Presepi proporrà come ogni anno le sue iniziative fino a che si potranno svolgere – spiega Fabrizio Mandorlini, coordinatore di Terre di Presepi. Tutto quello che sarà proposto sarà realizzato in sicurezza, sia per i presepisti che per i visitatori. Non mancheranno le defezioni, non tutte le realtà saranno in grado di ottemperare alle richieste anche per situazioni oggettive che i diversi luoghi propongono. E’ stato stilato un protocollo da adottare unitariamente, che nelle prossime settimane sarà sottoposto all’attenzione delle autorità competenti. Salvo alcune realtà, il percorso di Terre di Presepi valorizza molto i piccoli paesi e le realtà fuori dai grandi circuiti turistici e in molti casi i percorsi presepiali sono realizzati anche all’aperto”.